Le pubblicazioni

by Antonio Benci  

chi volesse ordinare i libri può scrivere o telefonare al Centro di Documentazione di Pistoia. Il costo di ciascun volume è di 10 €.
Chi volesse ordinare tutti e tre i testi può approfittare dell’offerta lancio pari a 15 € (+ 1,50 € di spese postali).

Franco Toscani – Attilio Mangano, Stefano Merli
Questo libro propone un lungo saggio di Franco Toscani che ripercorre i turning points della vita di studioso e militante di questo piacentino innamorato dell’idea socialista e soprattutto del Partito Socialista “che non c’è”. Diverso il contributo di Mangano che ripercorre le tappe del “caso Merli” come esempio di studioso e insieme militante in grado di mantenere un equilibrio apparentemente inconciliabile tra questi due concetti.
Completa il libro una post-fazione di Andrea Bellucci che mette a fuoco l’attualità di Proletariato di fabbrica e Capitalismo industriale e l’apparato bio-bibliografico curato da Antonio Schina, Direttore editoriale dei Quaderni.
Cesare Pianciola, Raniero Panzieri
il Panzieri ricostruito da Cesare Pianciola mette in evidenza l’interpretazione moderna e calata nella realtà dell’Italia a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 del marxismo. Ne emerge un ritratto completato dalla bibliografia di Antonio Schina, che restituisce al creatore dei “Quaderni rossi” la sua statura e dimensione storica nel cinquantennale dalla scomparsa.
Cesare Bermani, Giovanni Pirelli
Il personaggio che esce da questo volume è in realtà un anti-personaggio, che nella sua versatilità ha contribuito a scrivere delle pagine importanti della storia italiana del secondo dopoguerra: la curatela dei Condannati a morte della Resistenza, le traduzioni dal Terzo mondo, il sostegno ai “Quaderni rossi”. Eppure quello che emerge con maggiore nitidezza in questo quadro è la figura di Giovanni che mostra come la personalità riesce a smarcarsi dall’appartenenza.
Giuseppe Muraca, Luciano Bianciardi.
Il Bianciardi curato da Giuseppe Muraca è il primo Quaderno uscito nel 2011. Intende ripercorrere le fasi salienti dell’autore de La vita agra, non soffermandosi sul suo ruolo di interprete della nuova letteratura italiana degli anni ’60, ma sviluppandone un ritratto completo che prende in considerazione tutte le sfaccettature della propria produzione intellettuale e che ne fanno un testimone attento e rigoroso dell’incrocio dell’Italia con la post-modernità.


Written by

Posted In